HOME PAGE INFO E CONTATTI LINK UTILI MAPPA SITO COOKIES - PRIVACY - NOTE LEGALI        testo normale  
   home page   valle di maddaloni
arrow AMMINISTRAZIONE
arrow MUNICIPIO
arrow SERVIZI
arrow TERRITORIO
 
Ignora collegamentiHome Page > Territorio: Le Chiese
Le Chiese
Parrocchia San Pietro Apostolo
Le prime notizie risalgono al 1308, riportate in " Rationes Decimarum Italiae " ed è indicata come Monasterium S. Petri de Valle e, successivamente nel 1325 In Castro Vallis. La sua fondazione è da collocare, agevolmente, tra il X e XI secolo durante il declino del dominio Longobardo, in località Votta, ove attualmente vi sono terreni ancora di proprietà della Parrocchia di San Pietro. Per circa 189 anni non si hanno notizie. Nel 1514 non è più indicato "Monasterium" ma Ecclesia e solo successivamente, nel 1531, fu espressamente denominata Cura=Parrocchia. Nel 1601 il vescovo Giulio Santucci, dopo varie alternanze di visite pastorali, trovò la chiesa in non buone condizioni edilizie e così ordinò all'Arciprete don Ottavio Gloria che venisse abbattuta per poi costruirne una nuova nell'abitato per maggiore comodità degli abitanti. Nel 1621 con giubilo della popolazione, la nuova chiesa venne ufficialmente inaugurata del vescovo Ettore Diotallevi. Per circa quattro secoli non si hanno sostanziali notizie se non l'aver subito alcune trasformazioni che hanno teso ad ampliare la chiesa e renderla più agevole al culto. Gli ultimi lavori di ampliamento, che ne hanno mutato la fisionomia, furono fatti eseguire dall'Arciprete don Alfredo de Lucia. L'interno di presenta tripartito in navata centrale e due laterali (ciascuna in tre cappelle); l'abside e la navata centrale sono coperte da "volta a botte". Nella navata destra c'è l'accesso ad un ambiente annesso, sede di congrega. La facciata si presenta molto semplificata dopo un restauro ottocentesco . Caratteristica è l'acquisantiera a valva di conchiglia realizzata in marmo rosso di levanto e la Pila dell'acquasanta in pietra arenaria; su di esso poggia la vasca decorata da una boccellatura. Il campanile a basamento quadrangolare si sviluppa su tre ordini con orifizi ad arco di dimensioni diverse nei vari livelli.

Chiesa SS. Annunziata
Chiesa a pianta longitudinale suddivisa in una navata centrale e due laterali, a loro volta divise in tre cappelle per lato più due nel transetto destro e sinistro. Nella zona dell'altare maggiore, abside quadrangolare, sono presenti due ambienti a destra ed a sinistra, probabilmente le sagrestie. La copertura presenta una volte a botte nella navata centrale e volte a crociera nelle laterali. Nella navata destra si apre un altro ambiente, sede della congrega. A destra dell'altare maggiore è collocato il coro ligneo, diviso in due parti; consta di sei stalli per parte divisi da una lesena scanalata. L'unico motivo decorativo è costituito da due grifi che completano il coro su entrambi i lati. L'altare maggiore in marmo bianco e commesso si presenta nelle tinte giallo serpentino e rosso levanto. Riccamente decorato, ha due puttiai capi-altare, il paliotto ad urna e lateralmente in posizione arretrata, su entrambi i lati lo stemma della congrega dell'A.G.P. Sotto la volta è affrescata la raffigurazione dell'Annunciazione ( 1749 ), opera del pittore Giovanni Cosenza, attivo in Campania intorno allla metà del XVIII secolo. La chiesa, "senza carta di fondazione", può essere datata agli inizi del XVI secolo. Nel 1514 fra Giovanni d'Aloysiis, in una visita pastorale, annota che la chiesa è curata da due cappellani e menziona anche l'esistenza di un " hospitalis" e ben sette cappelle (altari) una delle quali consacrata alla Beata Vergine dell'Annunziata. Dal 1580 al 1587 le Sante Visite annotano solo notizie frammentarie e non esaltanti per il decoro della chiesa e si appunta l'esistenza di crepe nella navata centrale dove penetra acqua; a seguito di rilievo la chiesa subì dei rimaneggiamenti anche negli stucchi e, nell'ottocento, fu decorata con finto commesso marmoreo. Il 19 novembre del 1753 nella chiesa fu cantata un solenne Te Deum col concorso di tutte le autorità e del popolo in onore del Cavaliere Nerone, Intendente di Caserta, dopo aver preso possesso del feudo di Valle, acquistato da Carlo III.

Chiesa Santa Maria delle Grazie
Della Cappella di S.Maria delle Grazie ( Madonna delle Grazie ), indicata come Rurale Laicale, anno 1807, non si hanno notizie sull'anno di fondazione. Di stile rustico semplice nel corso degli anni fu abbellita con affreschi, stucchi e bassorilievi di grandi effetti. In atti e documenti risulta essere di ius padronato della Università di Valle, amministrata dalla Congrega di Caritàdi A.G.P.Il 1 luglio 1838, in un documento indirizzato all'Intendente di terra di Lavoro a firma del Sindaco Michele Magliocca, la Cappella è indicata priva di luoghi adatti alla sepoltura, come le altre cappelle Rurali Laicali. Nel 1840 iniziarono i lavori per la costruzione del Camposanto, durante i quali, furono apportate numerose modifiche alla Cappella. Se segnalazione dei Vigili del Fuoco di Caserta del 5-10-1987 e perizia tecnica dell'8-10-87 il Sindaco la chiuse al culto con Ordinanza n° 30/87 il 24 ottobre 1987. Questa la motivazione "...distacchi di intonaco causato da infiltrazioni di acqua provenienti da fluviali in cattivo stato di conservazione nonchè lesioni longitudinali alla volta ed alla chiave dell'arco centrale...". Pur se nell'ordinanza sindacale si imponeva al Commissario Straordinario delle Cappelle Laicali il termine massimo di 120 giorni per il ripristino statico della chiesa, un colpevole silenzio si impadronì della cappella di Maria Santissima delle Grazie che restò chiusa al culto per dieci lunghi anni. Il 30-04-1997 con delibera di Giunta Comunale n°121 furono avviati i lavori necessari alla riapertura della cappella. Per meglio raccogliersi in preghiera diversi concittadini donarono le panche in sostituzione di quelle che ormai, non c'erano più. Da allora sono state ripristinate le antiche cerimonie religiose quali, ad esempio, la processione che "trasloca" la statua della Madonna ,dalla cappella alla parrocchia in primavera e viceversa in autunno, e la Santa Messa nella ricorrenza dei defunti.

Chiesa San Rocco
Indicata nel1753 e 1807 come "Cappella Rurale Laicale", amministrata dalla Congrega di Carità di A.G.P. di Valle, priva di sepoltura e di carta di fondazione. Nel documento esistente presso l'Archivio di Stato di Caserta, in Prefettura Opere Pie, datato 5 giugno 1866 a firma di Luca Coscia, la cappella è indicata come "Cappellania S. Rocco dei Coccari". Questo appellativo lascia supporre che la Cappella fu fatta costruire da Carlo Antonio Coccaro per se ed i suoi familiari, agli inizi del XVI° secolo. Il 10 agosto 1994, il giorno dopo la presa d'atto del Consiglio Comunale che il "Bene" era divenuto di proprietà comunale, il Sindaco affidò a tre volontari ( Sebastiano Izzo, Giuseppe Saccone e Giovanni Possumato ) la manutenzione e cura della chiesa. Questi benemeriti concittadini hanno reso nuova dignità al luogo sacro con numerosi lavori di ristrutturazione e manutenzione a spese loro e degli abitanti dei quartieri limitrofi.

Chiesa San Pancrazio
Non essendo possibile effettuare una datazione precisa sull'anno di fondazione della chiesa S. Pancrazio per mancanza di fonti, viene assunta come mera data formale quella dell'XI secolo. Questa data è ricavata dallo studio della vestigia a pianta rettangolare, ovvero dell'estrema geometrizzazione del manufatto comune ad altre chiese campane di quell'epoca, costruito intermanete con materiale tufaceo e malta, estratto direttamente dal "graben" (dove sorge), successivamente utilizzato più volte come cava d'estrazione del tufo occorrente per la costruzione di altre chiese ( S.Pietro nell'abitato) e degli Archi dell'Acquedotto Carolino. La chiesa per la semplicità stilistica lascia supporre che fu progettata e realizzata dalle maestranze locali che non mancarono mai in arti e mestieri. Sull'intradosso dell'arco a tutto sesto e poggiato su piedritti, lato sinistro della chiesa, dove fu staccato l'affresco di S.Antonio Abate benedicente, segno tangibile dell'operosità e della religiosità dei Vallesi, datato inizi XII secolo, vi è un lucernario a feritoia, caratteristica finestra monofora dell'XI - XII secolo, presente anche nelle torri del castello. L'Altare Maggiore era rivolto a 40° verso Nord Est, costruito a imbotte semi incastonato nella parete ad arco a tutto sesto, con pietra locale, sostenuto da colonnette a "balaustrum" (oggi inesistente), ai cui piedi vi è ancora oggi visibile una fossa profonda a due bocche quadrate servite per la sepoltura. Le prime notizie scritte si hanno dalle Rationes Decimarum Italiae (N.d.R.: Registro delle Imposte) nei secoli XII e XIV e fino al 1456 nonn si hanno notizie particolari se non del "tremuoto" che scosse le terre, provocando fortunatamente solo lievi danni alla chiesa, prontamente riparati. Dopo la peste del XVII secolo la popolazione di Valle si ridusse ad appena 500 anime e l'esiguo numero di abitanti scampati alla pestilenza comportò la riduzione delle curate e, quindi, alla sola centrale di S.Pietro (nell'abitato) assurgendo ad arcipretale, non esautorando l'importanza mistica della figura del Martire S. Pancrazio, che è rimasto il Santo Protettore di Valle. Nel 1753 la chiesa risulta custodita da un eremita, in pessime condizioni edilizie e quasi crollante. Per tale motivo fu interdetta al culto. Dopo la morte dell'eremita la chiesa, abbandonata, fu oggetto di saccheggi di viandanti.

Ignora collegamentiHome Page > Territorio: Le Chiese

Histats Powered By A Software Factory

Copyright - Tutti i Diritti Riservati - Comune di Valle di Maddaloni - P. IVA 01903810610 - C.F. 80004630614

Dati sui pagamenti
Avvisi di preinformazione
Atti relativi alla programmazione di lavori, opere, servizi e forniture
Titolari di incarichi di collaborazione o di consulenza
Nuclei di valutazione e verifica degli investimenti pubblici
Provvedimenti organi indirizzo-politico
Criteri e modalità
Bilancio preventivo e consuntivo
Patrimonio immobiliare
Carta dei servizi e standard di qualità
Enti pubblici vigilati
Piano della Performance
Disposizioni generali
Piano triennale per prevenzione della corruzione e della trasparenza
Titolari di incarichi dirigenziali amministrativi di vertice
Titolari di incarichi politici, di amministrazione, di direzione o di governo
Atti delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori distintamente per procedura
Delibera a contrarre o atto equivalente
Organizzazione
Atti di programmazione delle opere pubbliche
Amministratori ed esperti
Titolari di incarichi dirigenziali (dirigenti non generali)
Atti generali
Sanzioni per mancata comunicazione dei dati
Relazione sulla Performance
Società partecipate
Tipologie di procedimento
Costi contabilizzati
Canoni di locazione o affitto
Piano degli indicatori e risultati attesi di bilancio
Atti di concessione
Provvedimenti dirigenti
Indicazione di tempestività dei pagamenti
Dirigenti cessati
Retribuzione Annuale Dirigenti
Sanzioni per mancata comunicazione dei dati
Tempi costi e indicatori di realizzazione delle opere pubbliche
Informazioni sulle singole procedure in formato tabellare
Amministratori ed esperti ex art. 32 d.l. 90/2014
Atti di concessione (File)
Avvisi e bandi
IBAN e pagamenti informatici
Servizi in rete
Enti di diritto privato controllati
Ammontare complessivo dei premi
Consulenti e collaboratori (ex d.lgs 33/2013)
Rendiconti gruppi consiliari regionali / provinciali
Scadenzario obblighi amministrativi
Posizioni organizzative
Consulenti e collaboratori
Avviso sui risultati della procedura di affidamento
Oneri informativi per cittadini e imprese
Piano dei pagamenti
Dotazione organica
Articolazione degli uffici
Personale
Dati relativi ai premi
Rappresentazione grafica
Dichiarazioni sostitutive e acquisizione d'ufficio dei dati
Liste di attesa
Benessere organizzativo
Bandi di concorso
Telefono e posta elettronica
Personale non a tempo indeterminato
Avvisi sistema di qualificazione
Dati sui pagamenti del servizio sanitario nazionale
Affidamenti
Tassi di assenza
Performance
Enti controllati
Incarichi conferiti e autorizzati ai dipendenti (dirigenti e non dirigenti)
Informazioni ulteriori
Contrattazione collettiva
Attività e procedimenti
Provvedimenti
Contrattazione integrativa
OIV
Controlli sulle imprese
Sistema di misurazione e valutazione della Performance
Class action
Organismi indipendenti di valutazione, nuclei di valutazione o altri organismi con funzioni analoghe
Organismi di revisione amministrativa e contabile
Documento dell'OIV di validazione della Relazione sulla Performance
Bandi di gara e contratti - in formato tabellare e XML ANAC
Bandi di gara e contratti
Corte dei conti
Sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici
Relazione dell'OIV sul funzionamento complessivo del Sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni
Bilanci
Beni immobili e gestione patrimonio
Controlli e rilievi sull'amministrazione
Servizi erogati
Pagamenti dell'amministrazione
Opere pubbliche
Pianificazione e governo del territorio
Informazioni ambientali
Strutture sanitarie private accreditate
Interventi straordinari e di emergenza
Altri contenuti
Altri contenuti - Prevenzione della Corruzione
Altri contenuti - Accesso civico
Altri contenuti - Accessibilità e Catalogo di dati, metadati e banche dati
Altri contenuti - Dati ulteriori
URP Privacy Prevenzione della Corruzione Accesso civico Accessibilità e Catalogo dei dati, metadati e banche dati Dati ulteriori